L’ALBUM NASCITA, UN REGALO INDIMENTICABILE AI VOSTRI NEONATI

Mi avevano detto che col secondo figlio sarebbe stato tutto più facile!

E in effetti lo è.

Insicurezze e ansie da “prima volta” svaniscono e al massimo ti devi ridare una letta all’opuscolo dello svezzamento, anche se i primi giorni parti “schiscio” perché ti sembra di esserti dimenticata tutto.
Per dire…
La garzina del cordone ombelicale l’abbiamo cambiata ancora con mano tremante tipo come quando togli l’ultima bacchetta utile dello shangai. Ma poi tempo un mesetto siamo usciti dal tunnel e abbiamo cominciato la nostra avventura da genitori bis.
Un’avventura tutta in discesa.

Anche non dormire la notte, non so come, è meno pesante. Forse perchè sai che prima o poi

Per esempio, con la prima:

  • cucchiaino rigorosamente in silicone per le prime pappe (con la seconda è già troppo se usiamo il nostro cucchiaio).
  •  corse al pronto soccorso al primo colpo di tosse
  •  via di peretta se per 24 ore non aveva fatto la cacca

Oggi, con Tiara, è tutto più relax ma su alcune cose non sono cambiata: mi sentirei in colpa a fare delle differenze. Anche con Tiara abbiamo scelto un approccio ad alto contatto e l’allattamento a richiesta.
Anche per Tiara, poi, ho realizzato un album della nascita con i suoi primi ricordi, dove segnare il suo primo sorrisino, la sua prima pappa, le vaccinazioni.

album foto neonati

E poi il primo album delle foto. Come a Flor, anche a Tiara ho preparato un album con le foto più significative dei primi mesi di vita con un’unica grande differenza: che in questo album Tiara ha la fortuna di avere accanto a sé una sorellina!

Flor adora guardare le foto di quando era piccola.

 

Lo abbiamo realizzato sul sito Print24. Si scarica il software, si sceglie il formato ed è possibile personalizzare ogni singola pagina con uno sfondo ad hoc. Io vi consiglio di scegliere colori chiari e di non pasticciare troppo la grafica cosicchè le foto restino al centro dell’attenzione. Raccontate una storia: partite dal pancione, una foto in ospedale poco prima del parto, una qualche istante dopo con il vostro cucciolo, il primo incontro con la sorella, la prima tutina e così via…

Se avete seguito i consigli che do nel video, sicuramente otterrete un risultato carino per la scelta delle foto nell’impaginazione. 

Poi potete mettere qualche breve frase, sotto le foto, così da contestualizzarle quando le andrete a rivedere più in là con gli anni.

 

I CUSCINI PER NEONATI NON SONO TUTTI UGUALI, QUALI SCEGLIERE E QUALI EVITARE

Il cuscino per neonati è pericoloso? Come deve essere fatto un guanciale per bambini per essere sicuro? Cosa mi hanno consigliato all’ospedale San Paolo di Milano, uno dei centri di riferimenti per la cura della plagiocefalia

Con mia figlia Tiara ho usato il cuscino dalla nascita e ancora lo uso che ha nove mesi. Non è un cuscino qualsiasi, sia chiaro ma uno studiato appositamente per i neonati per contrastare la plagiocefalia ovvero la sindrome della testa piatta, un disturbo che può essere anche grave e di cui nessuno ti parla fin quando ci sbatti la testa (è il caso di dirlo!).

Nessun pediatra, nessuna ostetrica al corso preparto mi aveva mai messo in guardia sulla plagiocefalia. Ti dicono – giustamente – di far dormire il bambino a pancia in su per scongiurare il rischio di SIDS, la cosiddetta sindrome della morte in culla ma nessuno ti dice che, mettendoli a dormire sempre in questa posizione, potrebbero ritrovarsi con il cranio appiattito.

Come vi ho spiegato in questo post, con Flor, la mia prima figlia, ho utilizzato un cuscino anatomico con il buco in mezzo, grazie al quale ho risolto il nostro problema di testa piatta.

Come vedete nella foto, la bimba aveva il lato destro della testa completamente appiattito (anche se i capelli mimetizzano bene).

testa piatta neonato

Per fortuna non era un caso grave il nostro. Ma se non avessi fatto nulla, oggi mia figlia avrebbe ancora la testa schiacciata da un lato.

Non è bello per una femmina, figuriamoci per un maschietto che porterà i capelli corti!

Molti pediatri sconsigliano l’uso del cuscino perché la conformazione fisica dei neonati e le proporzioni schiena-testa sono molto diverse dalle nostre. In questi anni, da quando ho il blog, ho sentito dire molte cose diverse sugli stessi argomenti e ne ho lette altrettante (sbagliate) su internet.

Sì è vero, i neonati – in linea generale – non hanno bisogno del cuscino.

Ma è anche vero che non tutti i cuscini sono uguali, così come è vero che non tutti i neonati sono uguali.

Un neonato che ha la testa piatta va corretto. E io per prevenire che anche la mia seconda bimba si ritrovasse con la testa schiacciata, utilizzo dalla nascita un cuscino specifico per la testa piatta: un cuscino con il buco in mezzo.

Furono i medici del reparto maxillofacciale pediatrico dell’ospedale San Paolo di Milano, uno dei centri di rifermento italiani per questo tipo di disturbi, dove portai a vedere mia figlia Flor, a consigliarmene l’utilizzo; un luogo dove purtroppo ho visto bambini con problematiche e asimmetrie davvero gravi alle ossa del viso.

I neonati non devono dormire su superfici soffici, come piumini o cuscini pomposi perché non vanno assolutamente bene.

Per esempio il cuscino per bambini che vendono all’Ikea – e che pure ho – è la cosa più sbagliata del mondo. Sono quegli acquisti inconsapevoli che si fanno nel week-end quando ancora hai il pancione…scommentto che anche voi ne avete collezionati almeno un paio!

Cuscino neonato Ikea

Questo che vedete nel lettino è il classico cuscino venduto all’Ikea nel reparto lettini

 

Una volta, un famoso produttore di materassi per neonati, mi spiegò che la dicitura “antisoffoco” sopra i cuscini per neonati era più una questione di marketing, per agire sulla psicologia delle future mamme, che altro…

In effetti di bambini morti soffocati dal cuscino non ho mai letto in giro (escludendo i casi dolosi). Ovviamente mi riferisco a cuscini appositamente studiati per i neonati: un cuscino piccolo e leggero anche se finisce sul visino di un bambino di pochi mesi non può soffocarlo poiché il bimbo, come istinto naturale, gira la testa esattamente come quando succhia il seno e gli manca l’aria.

 

  • COME SCEGLIERE IL CUSCINO DEL NEONATO

 

Il cuscino deve avere il buco in mezzo e deve essere basso, anzi bassissimo. Cuscini così fatti sono utili. Cuscini simili a quelli di noi adulti – seppur in miniatura – sono assolutamente da evitare (vedi cuscino Ikea).

cuscino plagiocefalia migliori

Guardate di profilo il cuscino Ikea e il BabyCare

Con Flor ho usato il cuscino Lovenest, quello a forma di cuore, e anche con Tiara il primo mese, finchè non mi hanno inviato da provare il cuscino Koala BabyCare.

Cuscino plagiocefalia Koala BabyCAre

Sopra il cuscino Koala BabyCare, con un buco centrale

Se vi interessa con questo codice potete approfittare di uno speciale sconto del 5% messo a disposizione solo per noi mammerisparmio da usare su Amazon. Questo il codice da copiare e incollare in fase di acquisto: A2MO9IPXBQ4GVK

Lo sconto vale anche sul cuscino Koala Perfect Head Maxi per bambini fino a 24 mesi. Anche questo è un cuscino in Memory Foam, più grande e largo, che prende la forma della testolina del piccola e non il contrario!

Il cuscino è più grande perchè pensato per il lettino, quando il bimbo è dunque più grande e in grado di girarsi autonomamente. Il fatto che sia molto largo evita proprio che finisca fuori dal cuscino e che la testa poggi direttamente sul materasso che come ho spiegato in questo post deve essere un materasso rigido.

Il cuscino Koala BabyCare ha due federe già in dotazione. Dettaglio non da poco dato che quando ho riutilizzato il LoveNest con Tiara,

cuscino lovenest

Pur avendolo lavato, avendolo usato tanto con Flor, è rimasto un po’ l’alone scuro dove poggiava la testa

pur avendolo lavato in lavatrice, è rimasto comunque un po’ sporco. Infatti non è sfoderabile. Inoltre quest’ultimo non è in Memory e dunque resta più alto, se guardato di profilo.

Il cuscino Koala BabyCare costa un po’ di più rispetto agli altri ma credo che li valga tutti (anche perché poi dovrete spenderli in medici per la plagiocefalia…è impressionante come sia aumentato il numero di casi da quando sono cambiate le linee guida per la Sids).

Mia figlia Tiara, per fortuna, ha la testolina perfetta: bella rotonda, forse solamente un po’ appuntita in alto, ma questa è la sua conformazione naturale. Anche il padre ce l’ha un po’ così del resto.

Ma quando nessuno in casa ha la testa piatta e il neonato pare avere un asse da stiro al posto del cranio, allora qualche domanda è d’obbligo farsela.