foto matrimonio

APP PER CHI SI SPOSA: FINALMENTE LE FOTO ANCHE DEGLI INVITATI AL MATRIMONIO, TUTTE IN ORDINE

Spread the love

Si chiama Webbox ed è un’applicazione gratuita sulla quale tutti gli invitati possono caricare le proprie foto del matrimonio in categorie preordinate. Ideale anche per far partecipare alle nozze chi non può venire.

 

L’anno scorso si è sposato uno dei miei migliori amici. Ha pensato bene di farlo a Lampedusa, agli inizi di settembre, quando io ero incinta di quasi sette mesi. Sono stata molto combattuta se andare o meno, poiché era un evento che attendevo da anni.

 Siamo stati compagni di avventure di tante avventure: nottate brave in discoteca, dai week-end a Saint Tropez alle favelas di Rio de Janeiro.
Anche se ora con le bimbe ci vediamo di rado, resterà sempre uno degli amici su cui contare…tant’è che stato anche il mio testimone di nozze.
Alla fine, a malincuore, non ho partecipato al suo matrimonio perché non me la sentivo di andare su un’isola dove non c’è nemmeno un reparto di ostetricia e ginecologia.  Col senno di poi so di aver fatto bene dato che proprio in quel periodo la ginecologa mi mise a letto per via del collo dell’utero raccorciato con rischio di parto prematuro.
Mi sono dovuta accontentare di vedere qualche foto che gli amici mi mandavano su WhatsApp.
foto matrimonio
Di recente ho scoperto un’app gratuita per matrimoni che sarebbe stata perfetta per quell’occasione. Si chiama WedBox. Il sito è in inglese ma tranquilli l’applicazione è anche in italiano e per la verità in alte 17 lingue, così da poter essere usata anche dagli ospiti stranieri.

Come funziona WedBox?

 

wedboxE’ un’app sulla quale tutti gli invitati possono caricare le proprie foto in modo ordinato. Che so: preparativi, festeggiamenti, in chiesa ecc.

È vero che spesso vengono anche creati dei gruppi su Facebook o WhatsApp dove vengono condivise le foto. Ma non è esattamente la stessa cosa.

Il problema dei matrimoni è proprio questo: si scattano così tante foto che poi metterle in ordine è un lavoraccio!

In questa app non trovate elenchi degli invitati, liste nozze e cose simili; della serie: “less is more!”.  Il focus qui sono solo le foto del matrimonio – secondo me – la voce più importante di tutta la cerimonia, dato che poi è quella che rimarrà come ricordo tangibile.

Gli sposi possono guardare tutte le foto dei loro invitati scattate tramite l’app e scegliere – in tal caso, pagando – se scaricare il pacchetto zip con tutte le foto in alta risoluzione. Questa opzione non è obbligatoria, per cui se lo si desidera l’app resta gratuita per sempre. 

Ma sarebbe un peccato perchè, sapete bene, che alcuni scatti fatti degli invitati, delle volte possono essere persino più belli ed efficaci di quelli di un professionista.

Una foto, infatti, a volte è meritevole non tanto dal punto di vista tecnico, ma proprio per aver saputo cogliere un momento particolare… Magari un’espressione buffa dello sposo o della sposa al momento del sì? 🙂

album nozze

Che ne dite di questa mia risata fragorosa davanti all’ufficiale della cerimonia? Dennis è quello alla mia destra (anche lui sta ridendo ma non ricordo il perchè…Johnny, mio marito, invece, non sono sicura avesse capito bene la battuta dato che parlava ancora pochissimo l’italiano).

Un’app per rendere partecipe anche chi non può esserci

Se avessi saputo di quest’app l’avrei fatta scaricare anche a mia suocera e ai parenti di Johnny. Nessuno di loro, purtroppo, per motivi di visto è potuto essere presente quel giorno.
Noi avevamo fretta di sposarci, perchè da lì a pochi giorni sarebbe terminato il visto turistico di mio marito e sarebbe diventato a tutti gli effetti un clandestino. Il rischio era quello di non poter più mettere piede in Italia per molti anni e quindi – ahinoi – non abbiamo potuto fare le cose con calma.
Ma non mi è dispiaciuto…alla fine è stata una bella cerimonia, semplice perchè organizzata in poco più di un mese. Resta solo il dispiacere di non aver avuto sua mamma presente: Johnny è il suo unico figlio e ha dovuto seguire il matrimonio via Skype. Ma così abbiamo la scusa di poterci risposare n giorno anche a Bogotà, sua città natale.
Lui me l’ha promesso, vedremo se sarà di parola.

app matrimonio

Nel riquadro in alto a destra, mentre salutiamo mia suocera collegata via Skype al computer


 


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *