PADRE ROBERT, CON LUI IN UNA FAVELA TRA I MALATI

Spread the love


IMG-20140611-WA0011

Padre Robert, le infradito sono un must in Brasile

Oggi vogliamo parlare di Padre Robert, l’uomo che sta ospitando i nostri eroi in questa prima parte del loro viaggio. La sua missione si trova a 70 km da Manaus, in una città di 30mila abitanti, chiamata Rio Preto da Eva. Sulle qualità umane di quest’uomo, niente da dire, ma la sua irrealtà è difficilmente comprensibile se non lo si conosce perfettamente.  Cronaca della giornata di ieri.

Padre Robert: “Andiamo a trovare due malati. Il primo è un ragazzo che ha avuto un incidente in bicicletta, il secondo uno dei responsabili laici della sua parrocchia, colpito da un ictus”.

Bene.  Si parte alle 14 da Rio Preto.  Prima tappa il ragazzo, unIMG-20140611-WA0006 quattordicenne di nome Lucas, che non è nient’altro che un biker, ovvero uno di quei ragazzi che eseguono acrobazie in sella a BMX. Peccato che in una di queste, sia caduto rovinosamente rompendosi il naso e subendo un trauma cranico. Non era il genere di malato che i nostri eroi si aspettavano, ma Padre Robert aveva omesso (o forse non sapeva) cosa il ragazzo stesse facendo al momento dell’incidente.

Seconda tappa, Manaus. Vicino all’Università dell’Amazzonia, vive il figlio di Modesto, uno degli aiutanti laici di Robert. Purtroppo il padre, abitante di Rio Preto, è stato colpito da un ictus circa un mese fa e si è trasferito dal figlio a Manaus, per la vicinanza con il centro dell’Ospedale 28 Agosto.

Il giornalista, conscio della Manaus vista il giorno precedente, chiede al Padre: “Stiamo entrando in una favela?“, e la risposta serafica: “No, qui vivono tutti così”. Bene, il nostro eroe non è certo un esperto di favelas, ma tra una zona popolare vicino al centro della città e un ammasso di casupole che si arrampicano su salite spaccagambe, con rigagnoli e strade strette e piene di buchi, non ha molta difficoltà a capire la differenza.

La casa in cui entrano è poco illuminata, molto modesta, con un piccolo ventilatore che prova invano a sconfiggere un’umidità elevata. La moglie e la figlia di Modesto ci accolgono con molta umiltà. L’uomo è immobile sul letto, l’ictus sarà stato anche leggero, ma i segni sono abbastanza evidenti. Non parla, ma capisce tutto. Capisce che quei due ospiti italiani sono lì per filmare Padre Robert durante la sua missione. Con tutto il rispetto per Lucas, la scena è piuttosto toccante. L’amore dell’anziana moglie, unito all’umiltà con il quale ringrazia il Padre, colpisce davvero le anime della nostra coppia. La visita termina con la recita del Padre Nostro.


IMG-20140611-WA0004Si ritorna a Rio Preto? Per nulla, Padre Robert dice ai due passeggeri del suo Suv che dovrà fermarsi un attimo a comprare delle piastrelle. Piastrelle? Avete capito bene. Il Padre sfrutta la manovalanza a disposizione per farsi aiutare nella costruzione della sua Chiesa. “Ogni volta che vengo a Manaus – dice sardonico – porto qualcosa per la missione”.  La scena è surreale. I tre entrano in un grande negozio, chiamato Beny e assistono all’acquisto. Dopo più di venti minuti Padre Robert ha deciso. Niente piastrelle, si compra un lavandino, alcuni rubinetti e tre specchi. Il commesso, nell’attesa di imballare il tutto, regala ai nostri eroi un cappellino e un graditissimo gelato.

Quando si dice l’ospitalità brasiliana….

Fatta anche questa commissione, si ritorna a casa? Macché! Padre Robert si ricorda di una pratica ancora aperta: l’incidente del giorno precedente. Chiama la donna che ha tamponato e si ritrovano nella stessa via di ventiquattro ore prima. Qui la scena diventa totalmente surreale. La donna chiede 1500 reais (circa 500 euro) a Padre Robert che, ovviamente, si rifiuta di pagare cash e si comporta come meglio non è possibile: assunzione di colpa, assicurazione…insomma….tutto nella norma?

Qui parte un lungo conciliabolo telefonico tra la donna e un non ben precisato interlocutore. Mezz’ora di chiamata, il buio invade la scena. I due ospiti italiani si guardano basiti. Solo questo sarebbe un film. Alla fine, dopo più di quaranta minuti, ecco che Padre Robert prende in mano la situazione, dà i suoi estremi alla donna, minacciandola di rivolgersi a un avvocato. E’ la svolta! La donna si arrende e accetta la soluzione assicurazione. Padre Robert sale in macchina e, se non fosse un religioso, probabilmente imprecherebbe per l’accaduto.

Tutto è pronto per ripartire alla volta di Rio Preto. Doveva essere una “semplice” visita malati, si è trasformata in un’altra incredibile avventura.



Spread the love

Un pensiero su “PADRE ROBERT, CON LUI IN UNA FAVELA TRA I MALATI”

  1. Beh ricordando l’operato di mio padre, forse qualche consiglio su come montare il lavandino potresti darlo… Boa Sorte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *