neonato in montagna

PORTARE IL NEONATO IN MONTAGNA: INDICAZIONI E PRECAUZIONI

Spread the love

Portare un neonato in montagna? È un argomento molto delicato, che vede spesso emergere opinioni contrastanti.

C’è chi pensa che l’alta quota possa fare bene ai bimbi piccoli e chi invece riflette più sulle controindicazioni. Di certo, questo è un tema che genera preoccupazioni, e spesso allarmismi e timori che non trovano riscontro nei fatti. Ma ciò non toglie che, proprio come succede per il mare, anche la montagna necessiti di precauzioni: soprattutto quando c’è un neonato di mezzo. E la confusione che regna sovrana su questo argomento, non può che essere sfatata con una serie di pareri derivanti dagli esperti:

  • Portare il neonato in montagna è possibile?
  • Quali precauzioni prendere?
  • E quali sono le migliori indicazioni per farlo?

portare_neonato_montagna

Neonati in montagna: rischi e relative precauzioni da prendere

 

Si parte innanzitutto dal sole, che non va certamente in ferie quando si tratta di montagna. Anzi: il riverbero dei raggi solari – soprattutto in presenza della neve – può far prendere delle brutte scottature a chiunque, specialmente ai bimbi piccoli che hanno la pelle delicatissima e molto sensibile al sole. Per questo è importantissimo applicare con regolarità creme solari specifiche per la pelle dei neonati e limitare l’esposizione nelle ore di punta della giornata. Un altro dei fattori più importanti da tenere in considerazione è indubbiamente il freddo: i bimbi piccoli sono molto sensibili alle basse temperature, quindi la seconda regola è coprirli per bene, soprattutto la testa, le estremità e il collo. Inoltre, bisogna tenerli idratati e proteggere anche i loro occhi dai raggi solari.

Infine, gli esperti consigliano anche di farli deglutire ogni 300 metri di altitudine.

Altitudine e neonati: in quota sì o no?

 

  • Il dubbio maggiore che tormenta mamme e papà è il seguente:
  • l’alta quota che effetti ha sui neonati?
  • E fino a che altitudine è il caso di portare i bimbi?

Secondo il pediatra Gianfranco Trapani, l’aria della montagna fa bene ai neonati e dunque non è mai il caso di rinunciarvi.

Però, esistono delle regole: mai superare un’altitudine di 1.200 metri, perché i bimbi con meno di 12 mesi non hanno ancora il fisico per reggere la quota da “alta montagna” (circa 2.500 metri).

E poi questo discorso va sempre applicato ai neonati sani: se da un lato l’aria pura di montagna aiuta a prevenire molte malattie, dall’altro il freddo può peggiorare quelle già presenti. È anche importante monitorare la reazione del neonato: se si lamenta più del normale, vuol dire che è ancora presto per portarlo in alta quota. Infine, il passaggio in alta quota in auto non deve mai essere immediato ma sempre graduale, questo per via della pressione.

neonato in montagna


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *