test fertilità casalingo

TEST FERTILITA’ FAI DA TE SUL LIQUIDO SEMINALE: SWIMCOUNT

Spread the love

In quasi la metà dei casi le ragioni per cui non si riesce a rimanere incinte sono da ricercarsi nell’uomo. Per non perdere tempo è utile un test da eseguire in casa sul liquido seminale così da indirizzarsi subito verso l’esperto giusto.

 

problemi durante il partoLa mia bambina è nata il 21 dicembre del 2016. Siamo stati dimessi dall’ospedale il 24 dicembre. Esattamente un anno prima, nel giorno di Natale, mi recavo nello stesso ospedale per ricevere la sentenza di aborto. Leggete questo post se volete approfondire di come mi sia resa conto che stavo perdendo il bambino.

Fortunatamente, appena tre mesi dopo da quel triste evento, ero di nuovo incinta. Sono passate solo poche settimane tra le due notizie eppure mi sembravano anni, tanta era la mia voglia di avere un bambino.

In quel lasso di tempo mi sono immedesimata in quelle coppie che cercano i figli per mesi e mesi se non addirittura anni.

Si tratta di un vero e proprio calvario. Quando vedi la carta igienica che comincia a colorarsi di rosa, fino ad diventare rosso sangue, capisci che anche quel mese è andato e l’appuntamento con il tuo bambino si allontana…

Una sensazione che ho provato anch’io, anche se per poco. Perché nonostante mi fossi messa d’impegno con mio marito – ed ero convinta di aver “centrato il bersaglio” – mi è capitato per un po’ di mesi di trovare l’amara sorpresa, con il ciclo mestruale presente e regolare.

Ci ho messo tre mesi circa a rimanere incinta, sia con quella poi sfociata in aborto, sia con quella arrivata dopo che poi mi ha portato la piccola Tiara. Dunque sono una donna fortunata.

Eppure, inevitabilmente, in quel lasso di tempo, ti fai delle domande:

  • Non l’abbiamo fatto abbastanza?
  • Lo abbiamo fatto male, nel modo sbagliato?
  • È colpa mia?
  • È colpa sua?

Insomma, le pensi davvero tutte, anche le cose più stupide. Partiamo dal presupposto che una colpa non c’è. L’organismo non è un orologio a ingranaggi; subisce delle influenze, dettate da tantissimi fattori esterni. È ormai risaputo che una mente libera e rilassata aiuta restare incinta più facilmente. Facile a dirsi, quando non ci sei dentro… quando vuoi a tutti costi il tuo bambino!

Strana la mente umana, davvero!

Vi siete mai chiesti come mai alcune coppie non “funzionano”, dove sia lei e lui non hanno apparenti anomalie eppure non riescono ad avere figli? Succede che poi i due si lasciano e uno dei due poi riesce ad avere subito un bambino…

Come descritto anche nell’enciclopedia “Le Garzantine”, nel volume di Medicina, “esiste una barriera psicologica o chimica al concepimento. In altre parole la sterilità della coppia può essere causata da una bassa fertilità di entrambi i partner. Riaccoppiandosi si possono cambiare le situazioni oggettive per cui queste barriere non esistono più e il risultato è il concepimento”.

Quando cerchi un bambino che non arriva, l’unica cosa cui pensi è fare l’amore con tuo marito. Purtroppo diventa quasi un lavoro, non più un piacere, ma un’attività da svolgere con quel fine. E questo è forse il primo errore. È un po’ come un cane che si morde la coda…

secondo parto

La mia gioia più grande assieme a sua sorella

Quando abbiamo cercato Tiara – questo il nome della mia bambina – abbiamo utilizzato dei test fai da te di ovulazione, il cui funzionamento ho spiegato bene in questo post. Anche il test di gravidanza era di quelli low cost, fatto da una semplice strisciolina su cui fare la pipì.

Io mi sono trovata molto bene con questi test, sarà perché hanno funzionato e la mia bambina è arrivata quasi subito. Ma nel caso in cui dopo un po’ di mesi non succeda niente allora forse vale la pena andare più a fondo nella questione, rivolgendosi a un esperto per capire che cosa non va.

Prima ancora però – per capire di chi sia l’eventuale problema e indirizzarsi subito dal medico giusto – potrebbe essere utile che anche lui faccia un test casalingo di auto diagnosi, giusto per togliersi ogni dubbio.

Proprio come noi donne valutiamo i nostri giorni fertili con degli stick, anche gli uomini hanno il loro test di fertilità, ma basato su tutt’altri parametri.

Qualsiasi tentativo di combattere un’unione sterile non ha nessun valore se non vi è la più completa collaborazione anche da parte dell’uomo e la certezza che non sia lui la causa dell’infertilità. Pensate che nel 40-50% di tutte le unioni sterili l’insufficienza è dell’uomo e non della donna.

esame fertilità maschile

Il test per verificare la fertilità dell’uomo si chiama SwimCount e ne ho sentito parlare proprio grazie al lavoro che faccio, anche se esiste ormai da diversi anni. È prodotto in Danimarca e misura la motilità degli spermatozoi. È sicuramente un’idea geniale perché permette di guadagnare del tempo, un fattore molto importante quando si cerca un bambino.

Inoltre i maschi tendono sempre a posticipare l’appuntamento con gli esami diagnostici. Per diverse ragioni:

  • un po’ perché è il loro modo di fare, quello di sottovalutare i problemi;
  • un po’ forse perché non hanno problemi di tempo dato che la natura non gli pone limiti temporali legati alla fertilità come a noi donne;
  • e poi, non ultimo, si vergognano. Gli uomini si imbarazzano ad ammettere i loro problemi di fertilità e per questo tendono a eludere il problema fino ad arrivare a dire – nei casi più estremi – di non desiderare più figli.

Eppure oggi la scienza permette di intervenire in molti modi e di ovviare eventuali problemi della coppia in fatto di fertilità.

Questo test è molto utile se si pensa che negli ultimi anni i casi di infertilità maschile sono cresciuti notevolmente, complice uno stile di vita sempre meno sano (stress, fumo, cibo in eccesso, etc.).

Sono sempre le donne, per prime, a sottoporsi agli eventuali esami diagnostici per capire se ci sono problemi di fertilità. Solo quando arriva la sentenza che è tutto ok – solo allora – anche l’uomo si sottopone a uno spermiogramma, un esame che sicuramente può mettere un po’ in imbarazzo. Non importa che i medici siano abituati, che facciano questo tutti giorni e che per loro è assolutamente normale. Loro si imbarazzano ugualmente.

Come funziona il test fai da te di fertilità per uomini SwimCount?

 

Questo test si effettua in soli 30 minuti e a differenza degli altri esami fai da te oggi disponibili, misura esclusivamente il numero di spermatozoi aventi motilità progressiva per ogni millilitro di liquido seminale, con l’intento di fornire un risultato qualitativo della capacità fecondante dello sperma.
La scelta di SwimCount di misurare la concentrazione degli spermatozoi motili è basata sulle evidenze scientifiche dimostrate da studi scientifici internazionali, citati anche nelle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che hanno provato che il grado di spermatozoi con motilità progressiva è direttamente collegato alla percentuale di successo di gravidanza a conferma del fatto che essi sono i principali responsabili del successo del concepimento.
Infatti nel liquido seminale sono presenti diversi tipi di spermatozoi tra cui quelli immobili o morti, quelli morfologicamente anormali che hanno un basso o nullo potere fecondante. Poi ci sono quelli con motilità progressiva che invece hanno un alto potere fecondante.
Per questi motivi diventa fondamentale conoscere la concentrazione di spermatozoi motili presenti nel liquido seminale perché è attraverso questa quantità che SwimCount riesce a fornire un risultato sulla qualità fecondante del liquido seminale.
Viene da sé che è pure inutile misurare la concentrazione totale degli spermatozoi nel liquido seminale, come fanno altri test in commercio, sapendo che solo una specifica tipologia di essi è capace di portare al successo il concepimento. Soprattutto se si pensa che nello sperma possono trovarsi anche cellule diverse da quelle spermatiche e che gli altri test contano erroneamente come spermatozoi.

Fino a quanti giorni può essere fecondato un ovulo?

Un ovulo rimane disponibile per la fecondazione da quattro o cinque giorni – anche una settimana nelle giovanissime – a qualche ora, questo a seconda del grado di fertilità della donna e della sua età.

Ecco perché una ragazza di vent’anni ha molte più probabilità di rimanere incinta rispetto a una donna di quaranta.

Se state cercando una gravidanza da diverso tempo, non affidatevi nuovo clearblue test ovulazione per rimanere incinta cerco un figlioal caso… soprattutto se questa ricerca vi crea un po’ d’ansia. Comperate gli stick per l’ovulazione che ho usato io o l’ottimo Clearblue e il test per lo sperma per lui.

Evitate di perdere tempo.

Dove si acquista questo test?

Lo potete acquistare sul sito di SwimCount.it al prezzo di 59,99 euro (spedizione inclusa e garantita in 24 ore); si tratta di un dispositivo monouso che viene consegnato in un pacchetto neutro.

In pratica il test differenzia gli spermatozoi in grado di nuotare da quelli che invece non riescono a farlo e tiene conto solo di questi speramtozoi “motili”, nell’indice di fertilità.

Sulla scatola trovate la dicitura CE a conferma del fatto che rispetta le normative europee. È già venduto in Danimarca, nel Regno Unito, in Svezia, in Germania, in Nuova Zelanda, in Spagna e altri paesi. Adesso anche in Italia.

La cosa importante, ripeto, è che, a differenza degli altri test maschili per la fertilità, non fornisce dati solo sulla quantità degli spermatozoi presenti nel liquido seminale, ma anche sulla qualità degli stessi (che è il miglior modo di stimare la capacità di fecondare l’ovulo).

SwimCount quindi è un test che misura esclusivamente la concentrazione degli spermatozoi mobili – quelli che vengono definiti “con motilità progressiva” – ovvero quegli spermatozoi che più degli altri sono responsabili delle gravidanze.

Adesso vi riporto qualche passaggio tratto sempre dal volume di Medicina de Le Garzantine, sperando di farvi cosa gradita.perdite da impianto

In che cosa consiste la sterilità maschile?

Un uomo sterile è un uomo che non produce spermatozoi (azoospermia) oppure produce un numero di spermatozoi attivi e normali insufficiente al concepimento (oligozoospermia).

 

Qual è la differenza tra sterilità e incapacità di fecondare?

La sterilità implica l’impossibilità assoluta di concepire: nell’uomo ciò significa che l’emissione di spermatozoi è assente. L’incapacità di fecondare lascia invece pensare che la fecondazione sarebbe possibile ma non probabile, a causa di un basso numero di spermatozoi.

 

Che cosa si intende per conteggio degli spermatozoi?

Il liquido eiaculato, che di solito equivale a circa un cucchiaio, contiene in genere da 50 a 120 milioni di spermatozoi per centimetro cubo. Si può eseguire questo conteggio esaminando al microscopio l’eiaculato.

 

Vi sono altre caratteristiche del liquido seminale degne di essere esaminate?

Sì. È importante osservare la motilità degli spermatozoi, la loro struttura e le loro caratteristiche anatomiche.

C’è un rapporto tra potenza e sterilità?

Sì, in quanto è naturale che una erezione insufficiente (scarsa potenza), che non consente un’adeguata penetrazione vaginale, ostacoli il concepimento. Questo perché lo sperma non viene depositato in maniera giusta. Ciò può verificarsi anche se il numero degli spermatozoi è perfettamente normale. Al tempo stesso, però, un uomo può essere potente ma sterile, ovvero avere nel liquido seminale degli spermatozoi non vivi.

In conclusione, se avete problemi a concepire un figlio, val sempre la pena di togliersi ogni dubbio sulle condizioni di fertilità dell’uomo, facendo un test casalingo come per esempio SwimCount.

test fertilità casalingo

 


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *