cottura uova in camicia

UOVO IN CAMICIA, COME SI FA? TRUCCO FACILE E INFALLIBILE

Spread the love


Prepare l’uovo in camicia è facilissimo con questo trucco che potete rifare tutti e che vi permetterà di cucinare delle uova in camicia perfette esteticamente e nella cottura

Tempo fa sono stata invitata a una cooking lesson tenuta da chef Moreno Cedroni. In quell’occasione abbiamo preparato piatti degni da ristoranti stellati che mai rifarei a casa, per il numero di ingredienti  e il tempo di preparazione che richiedono.

Ora, non so perchè ma molti chef sono fissati con le uova. Chef Carlo Cracco è diventato famoso per come le cucina e così chef Davide Scabin ha fatto del suo Cyber Egg un suo cavallo di battaglia.

A me le uova piacciono molto, anche se consigliano di non mangiarne più di due a settimana perchè fanno alzare il colesterolo.

Mia figlia, anche le adora. Fosse per lei le mangerebbe sempre. Oltre a essere buone sono anche facili da preparare. Uova alla coque, uovo bollito, frittata, uova strapazzate sono tutte modalità semplici per cucinare le uova. Tranne una: l’uovo in camicia.


L’uovo in camicia può mettere in difficoltà perchè bisogna scaldare l’acqua in una pentola abbastanza capiente, aggiungervi poi un goccio di aceto perchè poi l’uovo si rapprenda ancor più velocemente dentro l’acqua e infine creare un vortice con il cucchiaio. L’uovo si cuocerà all’interno di questo vortice.

Se ci riuscite siete brave, perchè il problema dell’uovo in camicia è che tende a sfaldarsi e dunque se volete una bella presentazione, molto probabilmente, finirete col fare diverse prove che porteranno a degli inevtiabili sprechi.

Ma non è tutto! Un altra difficoltà dell’uovo in camicia è azzeccare la cottura. Quando si rompe con la forchetta, dall’uovo in camicia, il tuorlo deve uscire ancora semiliquido.

Quanto deve cuocere un uovo in camicia?

Ebbene Chef Moreno Cedroni in quell’occasione ha insegnato a noi mamme un modo facile per preparare l’uovo in camicia in pochi minuti. Per scoprire questo trucco guardate il video pratico che ho realizzato.



Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *