ferrari della felicità

10 LAVORETTI PER BAMBINI DA FARE A CASA CON MATERIALE RICICLATO

Spread the love

Ho fatto parte della giuria di un concorso dedicato al risparmio e al riciclo promosso da ING. Tra le 354 classi che hanno partecipato ecco i 10 lavoretti che mi hanno colpito di più per originalità. Tutti si possono realizzare riciclando gli oggetti che abbiamo a casa.

 

Non so voi, ma ogni volta che Flor  – la mia prima bambina, cinque anni tra un mese – torna a casa con uno dei lavoretti realizzati alla scuola materna, io mi emoziono sempre tantissimo. Quando poi fa un disegno che raffigura la nostra famiglia, mi sciolgo proprio…

Tra tutti, quello che ho nel cuore è quello di quando ha rappresentato per la prima volta anche la sua sorellina Tiara, che all’epoca era ancora nel mio pancione.

disegno famiglia

Gli insegnanti che si ha la fortuna di incontrare nel proprio cammino sono un tassello fondamentale nella storia di ognuno di noi.

L’altro giorno ho partecipato come giurata a un concorso organizzato da ING Italia tramite il progetto educativo “Coltiva il tuo sogno”, arrivato ormai alla sua nona edizione, il cui obiettivo è promuovere il risparmio e il corretto utilizzo delle risorse per un mondo migliore. Per ogni classe che ha presto parte al concorso, ING Direct ha donato 30 euro a UNICEF.

coltiva il tuo sogno

Eccomi sulla destra, al mio fianco il vicedirettore di Focus Junior Andrea Minoglio

Un plauso a tutte le scuole che hanno partecipato al concorso grazie allo spirito d’iniziativa del corpo docente, anche se alcune – a onor del vero – sono andate un po’ fuori tema e per questo hanno ricevuto delle penalità in fase di voto (una mia piccola rivincita per tutte quelle volte che le maestre mi hanno ripresa dicendomi “Sei andata fuori tema!”).

Senza contare che ancora in molti fanno ancora confusione tra “riciclo” e “riciclaggio” che, come capirete, sono due cose molto diverse.

I 10 lavori arrivati in finale non erano forse i migliori in assoluto poiché la prima fase del concorso passava dai voti online di amici e parenti. Tuttavia i tre vincitori che si sono aggiudicati una stampante 3D hanno sicuramente meritato di finire sul podio per l’idea originale o per la complessità del tema trattato. Qui potete vedere la totalità dei progetti che hanno partecipato tra cui ho scelto i 10  che mi hanno colpito di più.

10  lavoretti per bambini con oggetti riciclati

E’ incredibile come basti davvero poco per realizzare dei giochi originali a casa propria, praticamente a costo zero. Queste idee hanno preso vita usando oggetti di uso comune, che tutti abbiamo nelle nostre abitazioni. 

ferrari della felicità

  • La Ferrari della Felicità (qui sopra in foto), è una semplice composizione di cannucce, tappi di bottiglia usati a mo’ di ruote e un palloncino a fare da propulsore. Davvero un’idea vincente, e infatti ha vinto!

bastoni della pioggia

  • Bastano dei rotoli di carta igienica o di carta da cucina, un po’ di fogli decorati e dei fagioli o del riso per realizzare invece il bastone della pioggia che ha una tradizione molto antica e anche un effetto calmante sui bebè (buona a sapersi, no?).

cassette della frutta riciclo

  • Forse per una casa è un po’ ingombrante, ma che ne dite di questo puzzle gigante realizzato con le cassette della frutta, colori e pezzi di carta dai bambini di terza elementare di Linguaglossa? Solo il nome del Paese meritava un premio per l’originalità. Ci potranno giocare tutte le classi e anche quelle a venire.giocattoli fai da te
  • Una scuola di Bari ha pensato di realizzare con oggetti tecnologici vecchi o non più funzionanti delle piccole opere d’arte. Guardate sopra questo bel collage che ritrae un curioso omino il cui corpo altro non è che una ex chiavetta per il computer. Un giorno voglio proporlo anche alla mia Flor, appena farò pulizia nella scrivania!

orto fai da te

  • Si chiama “Orto che Sale” l’idea avuta dagli insegnanti di questa classe di Torre Annunziata in provincia di Napoli (mia mamma è nata lì!). Hanno usato una vecchia boule dell’acqua, uno pneumatico dipinto di blu,  persino uno zaino da buttare per realizzare un piccolo orto fai da te. Da rifare sui propri balconi di casa.

cucchiai

  • Dei vecchi cucchiai di legno, delle forchette, qualche bottone avanzato, dei pezzettini di stoffa sono l’occorrente per creare dei buffi personaggi in cerca d’autore. L’ingrediente principale, qui, è di sicuro la fantasia. Complimenti alle classi di Gragnana Carrara.

mangiatoia fai da te uccellini

 

  • Quando si dice unire l’utile al dilettevole! E’ quello che ha fatto questa classe che, dai cartoni del latte e dei succhi in tetrapak con l’ausilio di alcuni rametti, ha realizzato delle mangiatoie per gli uccellini.  Sicuramente meritavano di arrivare almeno tra i primi dieci!

tartarughe

  • Delle piccole e dolci tartarughe realizzate usando come basi per il guscio delle bottiglie di plastica blu, un filo di lana azzurra, del glitter e della carta. Così i bambini hanno dato vita a degli amici marini in formato low-cost.

casetta cartone fai da te

  • Bellissima la casetta,  arrivata in finale  e che per poco non ha vinto anche lei la stampante 3D, aggiudicandosi il quarto posto. La classe ha utilizzato delle vecchie scatole di cartone, colla e colori e ha costruito una casetta gioco che sicuramente farà felici tanti bambini. Si può tranquillamente rifare a casa con un po’ di pazienza.

  • E’ quasi un’opera d’arte il robot creato con il riciclo di tappi di metallo di bottiglie di acqua, tappi di plastica dei detersivi, brick di succo di frutta, contenitore di ovetti o di cioccolato e plastica. Ha uno zainetto in spalla in cui mette il materiale di riciclo per ricreare oggetti nuovi utili alla scuola come: librerie, arredi, addobbi, abachi, giochi didattici ed altro. A me ricorda tanto un ghostbuster!

Bravi tutti e mi raccomando mamme, stimolate anche i vostri bambini e le loro maestre a partecipare a questi concorsi perchè sono educativi e in più mettono in palio regali davvero utili per tutta la scuola!

All’anno prossimo “Coltiva il tuo sogno!“.

 


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *