pila riciclata

ECOADVANCED ENERGIZER, FINALMENTE LE PRIME PILE RICICLATE AL MONDO

Spread the love


Le pile Energizer Ecoadvanced sono le prime pile riciclate al mondo, con il 4% di energia riciclata. Fino a luglio le trovate in offerta a 2,99 euro.

Le pile sono inquinanti. Produrre delle pile, estrarre le materie prime, inquina. Tuttavia la nostra società non può farne a meno. Non siamo ancora in grado di sostituire le pile con soluzioni accettabili dal punto di vista economico e di praticità.

Quando quel giorno arriverà, potremo parlare di una vera e propria rivoluzione che avrà conseguenze impensabili sulla qualità della nostra vita, sul Pianeta intero.

Una piccola rivoluzione però è già in atto!

energizer ecoadvancedDa pochissimo sono uscite sul mercato le prime pile riciclate al mondo.  Il quantitativo di materia prima  riciclata ammonta al 4%. Apparentemente sembra un dato ancora molto piccolo ma il futuro fa ben sperare. Provate a immaginare se un giorno tutte le pile del mondo fossero fatte da altre pile riciclate, così come accade per la plastica il vetro?

A oggi è solo il marchio Energizer a produrre questo tipo di batterie, avendo investito negli ultimi anni ingenti risorse per la ricerca. L’obiettivo finale è quello di arrivare entro il 2025 a commercializzare un tipo di pila realizzato con il 40% di energia riciclata.

Il 40% comincia a essere un dato davvero interessante in termini di risparmio energetico, vero? Tutto questo, tra meno di un decennio.

Le pile riciclate di Energizer si chiamano EcoAdvanced e, nonostante siano riciclate, pensate che sono le più performanti di tutta la gamma Energizer. E sapete la notizia ancora più bella per noi mammerisparmio? Costano uguale alle altre. Questo per incentivarne l’uso. Con queste premesse, direi che è d’obbligo far ricadere la propria scelta sulle pile riciclate, visto il loro ridotto impatto ambientale.

Quando noi buttiamo una pila, molte volte, c’è ancora una piccola dose di energia al suo interno. Energia che potrebbe essere riutilizzata in alcuni oggetti che abbiamo in casa e che consumano poco, come il telecomando della televisione e la radiosveglia. Pensate se un giorno, oggetti come questi, fossero fatti anche di cartone riciclato, come quelli realizzati da Energizer in occasione della presentazione di queste pile? L’impatto sul Pianeta Terra verrebbe ulteriormente ridotto.

telecomando di carta riciclata

E’ importante pensare alla Natura, ancora di più, oggi che siamo mamme e che abbiamo una responsabilità nei confronti dei nostri figli.


LEGGI ANCHE: Lettera di scuse alla Natura

Le pile le trovate già nei negozi della grande distribuzione nei formati AA e AAA. Il pacco con 4 stilo è disponibile al prezzo di 5,00 euro MA fino a inizio Luglio nelle più importanti catene della grande distribuzione a 2,99 euro. Come queste qui sotto.

pile energizer riciclate

Per cui se si esauriscono le pile della bambola, del videogioco, della pianola di vostro figlio (a proposito, di quante pile abbiamo bisogno noi mamme?), prima di buttarle mettetele da parte e provate a vedere se magari possono andare bene per quegli oggetti che consumano poco. Solo dopo questa prova, andate a buttare le vostre pile esauste negli appositi contenitori. E’ da quei contenitori, infatti, che Energizer poi pescherà quelle pile che un giorno diventeranno altre pile. Ecco qui sotto il ciclo di vita di una pila (cliccate sull’infografica per leggere meglio):

infografica_riciclo

Adesso vi racconto anche un aneddoto ovvero com’è nata l’idea delle pile riciclate EcoAdvanced. Il guizzo è venuto durante un viaggio di alcuni dirigenti di Energizer presso un impianto di riciclaggio di batterie. In quell’occasione i dirigenti hanno notato che le batterie riciclate erano state impiegate in diversi settori (come ad esempio per costruire il fondo stradale dell’impianto di riciclaggio stesso), ma non erano mai state usate per produrre nuove batterie.

Da quel viaggio sono passati poi 7 anni. Tanti ce ne sono voluti, di studi e ricerche, per mettere a punto la tecnologia delle pile riciclate. Perchè l’obiettivo non era e non poteva essere solo quello di produrre delle pile che volessero bene all’ambiente ma che fossero anche performanti. Era impensabile, infatti, offrire un prodotto non fosse all’altezza dei competitors.

Se non vi foste ancora convinti, ecco qualche numero interessante da tenere a mente. Sappiate che le pile Ecoadvanced:

pila riciclata• richiedono meno estrazione di materie prime nel processo di produzione (in una batteria alcalina circa il 70% dell’impatto ambientale proviene dall’estrazione di materie prime)
• riducono la quantità di batterie necessarie ai consumatori per alimentare i propri device (circa 6,5 dispositivi funzionano a pile, il più diffuso è il telecomando per la TV, presente nel 92% delle case, seguono l’orologio a muro e la sveglia)
• contribuiscono a diminuire la produzione di rifiuti (ogni anno vengono utilizzate 8 pile a testa, di queste solo 2 vengono riciclate correttamente)

 

 



Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *