tortino di quinoa

ESTRATTORE DI SUCCO VIVO A FREDDO IMETEC, RICETTE CON GLI SCARTI

Spread the love


Ormai è più di un mese che ho l’estrattore Succo Vivo della Imetec e dopo la prima recensione e le difficoltà iniziali, adesso ho anche imparato alcune ricette sfiziose da fare con gli scarti. Qualche idea gustosa antispreco anche grazie alle idee di Marco Bianchi e Lisa Casali, tra cui la maionese senza uova

 

marco bianchiNon pensavo che l’estrattore mi avrebbe preso così. Ero un po’ scettica all’inizio, lo ammetto. La vedevo più come una moda. E poi in passato avevo avuto una centrifuga che era finita presto in cantina. Sarà che il timing era sbagliato, sarà che più divento grande e più sto attenta a ciò che mangio, sarà che adesso sono mamma…

Sarà…

Sta di fatto che il nuovo estrattore Succo Vivo è diventato parte del mio quotidiano. Papàrisparmio comincia la giornata con un bel succo vivo di frutta (ovvio che la pulizia dell’estrattore poi tocca a me! Sgrunt…), la bimba si diverte ad aiutarmi a preparare gli estratti che poi beve anche lei e infine ci sono io, che ho scoperto di amare pazzamente gli estratti di verdura.

Ammetto che all’inizio a farmi storcere un po’ il naso era il quantitativo di scarti con cui dovevo avere a che fare, che pur non essendo molti – da brava mammarisparmio – mi rodeva non poco dover buttare via…

Nulla di più sbagliato. Guai buttare gli scarti!

ghiaccioli di frutta

Ghiaccioli-sorbetto fatti con scarti di frutta senza buccia, per renderli più gradevoli

Anche grazie a un evento di presentazione del nuovo estrattore Succo Vivo della Imetec, dove tra gli ospiti c’erano Marco Bianchi e Lisa Casali, ho imparato un sacco di cose nuove, tra cui il riciclo degli scarti, se così vogliamo chiamarli, dato che sono commestibili e buonissimi.

Una serata davvero interessante anche per me che non amo stare ore ai fornelli. Abbiamo infatti realizzato dei piatti molto semplici e velooci, tutti a base di scarti.

OCCHIO AL PREZZO RISPARMIO!


Marco Bianchi  – divulgatore scientifico della Fondazione Veronesi– ci ha fatto preparare due succhi:

  • uno per prevenire l’influenza e rafforzare le difese immunitarie: mela, radicchio, cavolfiore e 5 mandorle
  • l’altro per contrastare l’influenza, dai poteri antinfiammatori, utilizzato anche dagli sportivi quando si fanno male per guarire più in fretta. Un succo utile anche per chi ha il ferro sempre basso, come le future mamme, costrette a prendere integratori persucco contro l'influenza riportare i livelli di ferro ai valori giusti. Inoltre Marco ci ha detto che la barbabietola è ricca di antociani, potenti antitumorali. Insomma davvero un pieno di benessere per questo succo vivo fatto di: mezza barbabietola (noi l’abbiamo usata a crudo, quindi non quella precotta sottovuoto, anche se credo vada ugualmente bene!), mezzo limone, un pizzico di zenzero, una manciata di spinaci e due foglie di lattuga. Ho amato particolarmente questo succo: buonissimo e intendo rifarlo presto, soprattutto dopo che Lisa mi ha dato l’idea di trasformare lo scarto della barbabietola in una tartare (condita con un cucchiaino di senape) o magari in un ragù vegano.

Ma ecco le ricette che abbiamo ottenuto dagli scarti di questi due fantastici succhi:

  • un tortino di insalata di quinoa da leccarsi i baffi.

Abbiamo preso del porro, utilizzando l’ultima parte (non il cuore) che di solito io buttavo via. Ma Marco e Lisa non buttano via davvero nulla. Lei riutilizza persino la buccia della banana, facendola essiccare e spolverandola poi sulle torte per profumarle. Oppure facendone delle bustine di te di frutti misti. Dopo aver fatto saltare il porro in un filo d’olio extravergine di oliva, aggiungete la quinoa agli scarti di mela, radicchio, cavolfiore e mandorle – a voi la scelta se farne una versione calda o fredda – quindi salate, pepate al punto giusto e non dimenticate un pizzico di curcuma. E questo è il risultato:tortino di quinoa

Con gli avanzi del secondo succo abbiamo realizzato delle polpette, compattandole con un battuto di ceci. 

polpette con scarti di mela

La cosa allucinante (almeno per me!) è stata quando abbiamo realizzato con l’acqua di cottura dei ceci una maionese senza uova. E chi lo avrebbe detto che l’acqua di cottura dei legumi poteva essere riutilizzata in tal senso? Eccezion fatta per l’acqua delle lenticchie. Mi raccomando dunque quando cuocete i vostri legumi di utilizzare poca acqua se poi volete farne una maionese.

20151106_210834

Acqua di cottura dei ceci in primo piano. Dietro Marco che cuoce le polpette

Dopo aver fatto le polpette le abbiamo passate nel cous-cous per conferire croccantezza alla polpetta e solo dopo fritte in un filo d’olio. Buonissime. Alla maionese aggiungete anche un pizzico di curcuma, del succo di limone e un cucchiaino di senape per dargli un tocco in più.

maionese senza uova

E io che pensavo di essere stata superlativa quando avevo realizzato delle polpette con del banale scarto di carota, mela e finocchio. Io ho usato l’uovo per compattarle e anche mezza busta di preparato per purè dato che a casa non avevo né patate né pan grattato. Ma un po’ di fantasia e intraprendenza non guastano in cucina.

Concorso Vivi il Succo: vinci un estrattore a settimana

E per finire in bellezza, come ogni prodotto nuovo sul mercato che si rispetti, ecco il concorso abbinato che vi dà la possibilità di vincere un estrattore Succo Vivo Imetec a settimana (basta anche votare per partecipare). Come gran premio finale un corso di cucina sano ma buono con Marco Bianchi ed Elisa Casali. Per i dettagli consultato il sito di riferimento Viviilsucco



Spread the love

3 pensieri su “ESTRATTORE DI SUCCO VIVO A FREDDO IMETEC, RICETTE CON GLI SCARTI”

  1. Ciao. Dopo aver letto il tuo post ho deciso di acquistare l’estrattore Imetec. Dopo due giorni di utilizzo ho qualche dubbio e perplessità che vorrei condividere con chi ne ha gia uno, per capire se i succhi che produce sono e devono essere cosi o se c’è qualcosa che non va nel mio. Allora….
    I succhi mi fanno un sacco di schiuma. Il succo di carota non è liquido e limpido ma una specie di mangia e bevi ( sì, uso il filtro giusto, quello col contorno arancio). Una volta in bottiglia si vede la separazione del liquido rispetto la parte piu solida che si deposita sul fondo, la schiuma, fa come un tappo che rende difficoltolso il versarlo. Il succo di mela, che nelle foto del ricettario è limpido e liquido, a me viene come il succo di pesca della zueg. Denso. Densissimo.
    Ti ringrazio se deciderai di dedicarmi qualche minuto per confrontare con me il risultato dei tuoi succhi. Magari ho un filtro danneggiato…
    Grazie
    Alessandro

    1. Ciao Alessandro, che facciano un filo di schiuma è assolutamente normale. Se vedi nel video anche io faccio il succo di carota, però appare bello limpido, non denso da bere insomma. Non so come sia il succo della zuegg tuttavia a me viene liquido (ecco magari non trasparente come quella della foto, ma forse dipende anche dalle mele usate e poi sai che tra le foto illustrative e la realtà ce ne passa). Se usi il filtro giusto, come dici, non dovresti vedere la separazione parte solida liquida, perchè è solo liquido anche se alcuni tipi di frutta ho notato che sono sicuramente più densi. Grazie ciaoooooooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *