QUELLA VOLTA CHE MIO FIGLIO HA SMESSO DI RESPIRARE

Spread the love


Tutte le mamme sono fortunate, guardando i loro piccoli non possono pensare diversamente, ma io lo sono di più, perché ho avuto la fortuna di essere nel posto giusto al momento giusto.
Avevo messo il mio piccolo nella sua sdraietta come al solito, cullato dal dondolio. A un certo punto ho notato quanto fosse insolitamente immobile, gli occhi sbarrati e il corpo rigido, da un lato della bocca usciva del latte.
Ho provato ad attirare la sua attenzione, l’ho chiamato, scosso leggermente ma non ho avuto nessuna reazione da parte sua, ho addirittura pensato fosse morto! Immediatamente l’ho sganciato dalla sdraietta e gli ho dato 4 pacche sulla schiena, a quel punto ha sputato il latte e si è ripreso.
In ospedale prima di arrivare a conclusioni affrettate hanno fatto tutte le analisi necessarie e hanno monitorato il bimbo per 3 notti, non trovando nulla né a livello neurologico né cardiologico, hanno ritenuto che l’episodio sia dovuto al rigurgito che lo stava soffocando.
Mel e la sua meraviglia!

Mel e la sua meraviglia!

Per me lo spavento è stato grande, e per fortuna ero presente e sono istintivamente intervenuta per tempo, ma credo che durante i corsi preparto nei primi giorni dopo la nascita dovrebbero fare un minimo di formazione su come intervenire in questi casi, perché è vero che la posizione da adottare in culla è importante, ma le informazioni sono spesso incomplete e sopratutto cambiano da ospedale a ospedale.


È così impossibile avere un protocollo unico, in modo da creare meno confusione possibile? Spesso si pensa di fare nel modo giusto e invece si scopre di far male, generando anche sensi di colpa.
Una cosa che ho imparato, i bambini vanno tenuti nella culla con un inclinazione di almeno 30 gradi e sopratutto a pancia in su, ma so che altri ospedali in una situazione analoga hanno consigliato la posizione sul fianco, con l’accorgimento di mettere dei salsicciotti ai lati x evitare che il bimbo si ribalti da solo.
Spero che la mia esperienza possa essere utile ad altre mamme, purtroppo oltre a questi accorgimenti si può fare poco non esistendo una reale prevenzione!
Ti ringrazio per avermi dato  un’ opportunità di aiuto alle altre mamme.
Buona serata!
Mel Collino, una Mammarisparmio

E voi siete d’accordo come Mel? Vi hanno informato al corso preparto sulle mosse salvavita da attuare con un bebè? E come posizionate il bambino nella carrozzina dopo la pappa?



Spread the love

4 pensieri su “QUELLA VOLTA CHE MIO FIGLIO HA SMESSO DI RESPIRARE”

  1. Pochi giorni fa anche io mi sono trovata nella tua stessa situazione…mia figlia di appena 10 giorni,dormiva nella sua culletta messa di fianco come al solito, aveva mangiato due ore prima, tutto ad un tratto ho sentito uno strano rumore tipo come se avesse il naso chiuso, appena mi sono avvicinata ho visto che dalla sua bocca usciva saliva a bollicine… subito l’ho presa ed ho capito che era soffocata e come prima cosa le ho soffiato sul viso ma purtroppo non si riprendeva, mio marito che era presenta a cercato di riprenderla svolgendo le manovre che si fanno in questi casi( pancia in giù e colpetti sulla spalla) ma evidentemente non erano fatti bene infatti non hanno funzionato. Tutto questo in meno di un minuto. Siamo scesi per le scale per portarla in pronto soccorso ed ha fatto un piccolo grido di pianto, tanto che pensavamo si fosse ripresa, ma poi a ritornato a non respirare.Cosi siamo corsi in ospedale che è a due minuti di macchina e li l’hanno presa in tempo, il fatto che era vicino da noi è stato una salvezza per mia figlia se era più lontano penso non ce l’avrebbe potuta fare. Comunque adesso a due giorni dall’accaduto sono ancora in panico tanto da stare sveglia tutta la notte per guardarla. Spero non accada più. Cosa diversa da te che non l’hanno tenuta sotto controllo e solo stata visitata al petto e al saturimetro. Io però non sto tranquilla credo che le farò fare qualche visita più approfondita.Ringrazio comunque a parte i dottori che sono intervenuti anche Dio che in quel momento era con noi.

    1. Oh mio Dio che spavento deve essere stato! Per fortuna è andato tutto bene…ti consiglio vivamente di imparare bene le manovre di disostruzione e anche la respirazione bocca-naso che si fa ai neonati. Per fortuna hai l’ospedale così vicino. Capisco la tua ansia ora però cerca di stare tranquilla. A limite conosci Angel Care di FoppaPedretti? Se può aiutarti a stare più tranquilla prendilo visto il precedente!

  2. Tutti mi dicono di stare tranquilla ma quando arriva la sera già iniziò a sentirmi agitata come se dovesse accadere di nuovo…ed io solitamente non sono un tipo ansiosa però sento come battiti accelerati e ho paura a rimanere da sola con lei. Sento come se sto sbagliando tutto come se non mi sento all’altezza della situazione…nonostante ho tante persone che mi sono vicine in primis mio marito che non fa altro che tranquillizzarmi dicendomi che è successo e basta ora la bimba sta bene( ma è più forte di me ho troppa paura che probabilmente dato quello che è successo ha qualcosa che non va e potrebbe succedere di nuovo):(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *