zanzara tigre

VIRUS ZIKA IN ITALIA, CI SONO RISCHI PER LE DONNE INCINTA?

Spread the love


Il rischio zero non esiste. Lo dimostrano i 37 casi registrati in Italia nel 2016 di persone che hanno contratto il virus all’estero e lo hanno importato anche da noi. Zika causa microcefalia nei feti, ecco quali precauzioni prendere per difendersi dalle zanzare

L’altro giorno ho partecipato a un incontro davvero interessante sulle zanzare organizzato dal sito Puliti&Felici e da Federchimica presso l’Orto Botanico di Milano, un luogo davvero incantevole nel cuore della città, dove passare qualche momento al fresco immersi nel verde, il tutto gratutitamente!

A raccontarci vita, morte e miracoli delle zanzare c’era l’entomologo (ovvero chi per lavoro studia gli insetti) Andrea Drago.

Zanzare problema zika

Come sapete sono in dolce attesa e dunque sono un po’ preoccupata, ora che si parla tanto di virus Zika e che le Olimpiadi di Rio di Janeiro intensificheranno il flusso di persone che viaggeranno tra l’Euorpa  e il Sudamerica.

Come se non bastasse i riflettori su questo virus maledetto accusato di provocare la microcefalia nei feti sembrano essersi abbassati. Il rischio è presente durante tutti i nove mesi di gestazione, non solamente nel primo trimestre. Soltanto in Brasile sono quasi 5mila i casi conosciuti di feti malformati nati a causa del virus Zika contro i 150 casi registrati nel 2014.

Lo scorso maggio un gruppo di luminari ed esperti sul tema aveva scritto una lettera all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e al Comitato olimpico internazionale chiedendo di annullare i Giochi Olimpici di quest’estate “per il rischio reale di una pandemia mondiale”.

Un allarme che evidentemente è stato considerato esagerato eppure solo due giorni fa è stato registrato il primo caso anche in Lombardia di virus Zika. Dove? In Brianza, a due passi da me, che sono incinta.

La donna, di 34 anni, appena rientrata dalla Giamaica, fortunatamente non è incinta e non presenta sintomi gravi. Il virus Zika è subdolo proprio per questo: può essere persino asintomatico. Molta gente pensa a un mal di testa passeggero, a spossatezza generale e per questo si esime dal farsi controllare.

La donna in questione è stata comunque ricoverata all’ospedale San Gerardo di Monza e dovrà stare in isolamento per due settimane ed evitare rapporti sessuali per un mese. Fare l’amore è infatti una delle modalità di trasmissione del virus.

Come si trasmette il virus Zika?

Come si legge sul sito del Ministero della Salute, “Il virus Zika è stato rilevato nel sangue, nelle urine, nel liquido amniotico, nello sperma, nella saliva e nel fluido corporeo presente nel cervello e nel midollo spinale (liquor)”.

Le zanzare si infettano pungendo una persona infetta e a loro volta trasmettono il virus pungendo una persona sana, che si infetta. E’ una catena che appare incontrollabile. Il professore che ha in cura la signora italiana contagiata da Zika ha escluso che la donna abbia potuto contagiare altre persone. Speriamo!

zanzara tigre

La zanzara del virus Zika è la zanzara tigre, specie ormai diffusa in mezzo pianeta. Anche da noi, anche se non è autoctona. Il suo spirito di adattamento è così straordinario da averle permesso di espandersi con una rapidità impressionante, anche nelle regioni più fredde.


Di recente avevamo trovato una superofferta per la Colombia e mio marito, che  è di Bogotà, aveva quasi pensato di aprofittarne ma poi abbiamo riflettuto bene e pensato che il gioco non valesse la candela. Pensate che il Governo colombiano ha esplicitamente invitato le donne a non rimanere incinta fintantoché l’allarme non sarà rientrato.

Siamo esagerati a preoccuparci?

Non voglio essere allarmista ma credo che qualche precauzione sia giusto prenderla e soprattutto è importante che ognuno faccia la propria parte.

Il Virus Zika in Italia e rischi per le donne incinta

Alla domanda specifica: “E’ possibile che il rischio del virus arrivi anche da noi in Italia?”, il dottor Drago mi ha detto che le possibilità che il virus arrivi anche da noi sono molto elevate visto che può essere trasportato da persone infette (come del resto appena accaduto!); sono ridotte invece le probabilità che poi il virus si diffonda. “E’ davvero molto improbabile che ciò accada perchè è difficile immaginare che una zanzara sopravviva a un viaggio aereo, tanto più che i velivoli dopo essere arrivati dai Paesi a rischio vengono trattati con speciali spray – ha specificato l’esperto – Negli aeroporti ci sono anche delle trappole apposite per le zanzare.  Inoltre parliamo di patogeni tropicali che da noi fanno fatica ad acclimatarsi. Si tratta di virus molto lenti, il che ci fa ben sperare!”.

Zika Virus gravidanza

Una donna incinta di 8 mesi a Recife in Brasile, una delle città più colpite dall’emergenza Zika

Come difendersi da Zika se si è in dolce attesa e dalle zanzare in generale?

  1. Laddove possibile, evitare di recarsi nei Paesi a rischioovvero quelli del centro e del Sudamerica. Proprio in questi giorni anche il Perù ha bollato il virus Zika come emergenza nazionale. Se avete compagni che viaggiano in zone a rischio, astenetevi dall’avere rapporti sessuali per 28 giorni (in caso di contagio per 6 mesi dalla comparsa del virus).
  2. Utilizzare indumenti con maniche lunghe e pantaloni lunghi se si va in zone paludose o si frequentano giardini, parchi, soprattutto nelle ore serali
  3. munirsi di zanzariere
  4. utilizzare gli spray antizanzare in casa, avendo cura di areare le stanze dopo il loro uso
  5. ricorrere ai repellenti per le zanzare su cui sopra vi sia scritto “presidio medico chirurgico“, solo così potete essere sicuri della loro efficacia e sicurezza. Questa scritta comprova la certificazione e l’autorizzazione da parte del Ministero della Sanità.
  6. Molti strumenti utilizzati per combattere le zanzare, in realtà, servono a poco o a nulla. Un esempio? Gli apparecchi a ultrasuoni, totalmente inutili (lo dico per esperienza diretta e mi è stato confermato anche dagli esperti!). Stesso discorso per la citronella! L’entomologo Drago e Pierpaolo Zambotto, referente
    larve di zanzare

    Un contenitore d’acqua al cui interno è possibile vedere delle larve di zanzare

    di Federchimica Assocasa, ci hanno spiegato che dopo il boom della citronella – creduta un valido repellente contro le zanzare anche grazie a massive campagne di marketing – ci fu una circolare ministeriale che ne certificò l’assoluta inutilità. Il concetto però ormai era così radicato nella mente dei consumatori che ancora oggi i prodotti contro le zanzare usano il colore giallo e/o profumazioni alla citronella (così come al geranio, altra pianta che erroneamente si crede utile nella lotta alle zanzare). Efficaci davvero invece alcuni tipi di crisantemi, ma chi terrebbe un fiore funebre in casa per tenere lontane le zanzare?

ATTENZIONE! Per i bambini è importante utilizzare prodotti specifici per loro facendo attenzione ai quantitativi di  DEET (N.N-dietil-m-toluamide) o di ICARIDINA (Picaridin). Quelli per i bambini non possono superare la soglia del 20%, negli adulti deve attestarsi sotto il 40% (eccezion fatta per i repellenti specifici per le zone tropicali).

Come mai quest’anno ci sono meno zanzare?

Mi consolo pensando che quest’anno ci sono meno zanzare in giro, almeno qui a Milano. Ci avete fatto caso? Ho chiesto all’entomologo se la cosa dipendesse da una disinfestazione più accurata da parte dell’amministrazione…e invece no! “Il fatto che ci siano meno zanzare in giro – ci ha spiegato – dipende soprattutto dal clima che quest’anno è stato più rigido: ha piovuto e le uova non si sono schiuse. Probabile che lo facciano più tardi e che in autunno dovremmo fare i conti con un numero maggiore di zanzare rispetto alla media degli altri anni. Anche perchè gli autunni sono sempre più miti e quindi favorevoli alla proliferazione delle zanzare. Ragione per cui capita di trovare delle zanzare in giro ancora a ottobre, persino novembre!”.

Cosa possiamo fare per evitare la proliferazione delle zanzare? 

La cosa importante è che ognuno ci metta del suo.

  • Bisogna cominciare già in primavera cercando di eliminare tutti i ristagni d’acqua dove le zanzare depositano le uova. Tenete conto che una zanzara tigre per diventare da larva ad adulta ha bisogno di 6 giorni.
  • Quando si fanno le pulizie di primavera, andare ad aspirare anche dietro agli armadi, vicino ai condizionatori, negli angoli della casa, nelle zone più umide dove le zanzare uova svernano come adulte.
  • Le pastiglie antilarve servono ma quando ci sono le larve. Quindi è importante metterle per tempo non quando i giochi sono già fatti!
zika nel mondo

La diffusione di Zika nel mondo

Quali sono le zanzare presenti in Italia?

Ci sono diversi tipi di zanzare. Pensate che in Italia se ne contano ben 70 tipi diversi ma sono quattro quelle più diffuse. Sono così brave da coprire tutta la giornata da romperci le scatole a ogni ora e in ogni luogo:

  • La Zanzara Comune:di colore marrone chiaro, punge di sera e mattino presto ed è conosciuta per il fastidiosissimo ronzio che sa produrre. E’ particolarmente diffusa nelle aree urbane, in quanto si riproduce in piccoli ristagni d’acqua e si sposta poco.
  • Zanzara Anofele:un po’ più grossa delle specie cittadine, provoca una puntura particolarmente fastidiosa e trova, come habitat naturale per il suo sviluppo, l’ambiente rurale, caratterizzato da stagni e paludi.
  • Zanzara di risaia: marrone e lievemente striata, può volare diversi chilometri, si sposta in sciami ed è in grado di infestare ampie aree nelle ore serali per poi sparire prima che giunga la notte.
  • Zanzara Tigre (Aedes albopictus): nera a strisce bianche, a differenza delle altre specie, è attiva durante il giorno e non solamente dall’alba al tramonto. Punge molto più rapidamente e riesce a fuggire velocemente, rendendosi difficile da uccidere.

E’ vero che ci sono persone più predisposte a essere punte?

VERO E FALSO.  Ci sono persone che attirano più zanzare e sono quelle che sudano molto poichè le zanzare sono attratte dall’acido lattico, dall’ammoniaca, dagli odori acri (tant’è che negli esperimenti si utilizzano i calzini usati per attirare le zanzare!). Dunque sbagliato dire che le persone con il “sangue dolce” vengono punte di più, poichè accade esattamente il contrario. Le persone che dicono di non venire mai punte sono penalizzate dal punto di vista dell’evoluzione della specie, poichè è più facile pensare che anche queste vengano punte ma non sviluppino reazioni come gonfiore o prurito nella zona della puntura.

Le zanzare, di notte, ronzano sempre vicino all’orecchio quando c’è tutta la casa per svolazzare?

puntura di zanzaraVERO. La ragione più plausibile è che le zanzare vengano attratte dall’anidride carbonica che produciamo da naso e bocca e pertanto si avvicinano proprio vicino al volto rovinandoci il sonno.

Bere alcol attira le zanzare?

VERO. Bere alcol attira le zanzare. Gli alcolico sono vasodilatatori e quindi aumentano il flusso sanguigno, incrementando la sudorazione e quindi richiamando più zanzare.

Abitare ai piani alti tiene lontano le zanzare?

VERO E FALSO. La zanzara tigre non sa volare in alto. Col volo verticale non riesce ad arrivare ai piani alti e pertanto si ferma ai piani più bassi. Per poter arrivare ai piani superiori deve fare lunghe soste dove, probabilmente, si sarà già saziata. Al contrario la zanzara del mare vola anche per 40 km senza problemi.

E’ vero che i pipistrelli tengono lontano le zanzare?

FALSO. I pipistrelli e  le zanzare tigre, per esempio, non si incontrano mai. Uno vive di notte e l’ altra di giorno.

 



Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *