LE RAGIONI PER CUI NON MOSTRO I CARTONI ANIMATI A MIA FIGLIA

Spread the love


Il racconto di una mamma che ha deciso di non far vedere i cartoni animati alla propria figlia fino a quando non sarà in grado di distinguere tra realtà e finzione.

Perchè non faccio vedere i cartoni animati a Clelia.

Siamo ai primi di Agosto 2014  e Clelia si avvicina ai 22 mesi.

In vita sua avrà  visto i cartoni animati 5/6 volte;  ho scelto per il momento di farglieli vedere per un semplice motivo: ci sono IO!

Con mio marito abbiamo valutato di richiedere il lavoro part-time così dalle 14.00 in poi sono a casa.

"Back Pose Of Little Child Watching Tv" by imagerymajestic

“Back Pose Of Little Child Watching Tv”

Nei suoi primi mesi di vita ho letto diversi articoli e tra questi ve ne era uno che diceva che  “i bambini sotto i 3/4 anni non sanno distinguere la realtà dalla fantasia“, e così ho scelto di non farle vedere i cartoon. I cartoni animati creano così una certa confusione nelle loro menti.

Come ho compensato l’assenza della televisione?

Devo dire che sono fortunata, lei adora i libri e così che passa il tempo. Adesso che parla è lei a dirmi “mamma leggi per me!” anche se la sua minibiblioteca è sempre lì a portata di mano.


La maggior parte dei suo libri sono di seconda mano, qualcuno regalato e altri presi in prestito in biblioteca.

Quando ho bisogno di 5 minuti di pace  per distrarla  le ho scaricato dei video REALI e lei ogni tanto  mi chiede di vederli. In genere ogni paio di giorni.

Sono video del tipo:

  • come preparare lo zucchero filato;
  • come sbucciare un aglio;
  • come dividere un pezzo di torta tra due bambini;
  • un nonnino che balla;
  • un papà che prende in braccio un bimbo che piange
  • ma il suo preferito…è una ragazza che canta a cappella.

Anche i suoi primi libri erano tutti reali: animali, piante e oggetti quotidiani. Poi sono arrivate le storie e anche qualche libro di Peppa Pig  (ricevuti in regalo!) .

Questa sono io!

E questa sono io, la mamma di Clelia!

Oggi Clelia é una bambina super attenta e, come dicevo, adora i libri. Oltre a essere una gran chiacchierona. Abbiamo cominciato presto: a  4 mesi  con il linguaggio dei segni, con il quale siamo andate avanti per 3/4 mesi e poi è stato un crescendo! Dice chiaramente quello che vuole e quello che vuole fare; quest’ultimo aspetto è un grande vantaggio sulla sua prevedibilità: “Vado sul balcone” , “Vengo con te”…

La scelta del part-time porta in me la consapevolezza, di poterla seguire per bene, dunque non mi servono i cartoni animati.

Valentina Moschella, una mammarisparmio



Spread the love

3 pensieri su “LE RAGIONI PER CUI NON MOSTRO I CARTONI ANIMATI A MIA FIGLIA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *