cioccolata con formaggio

RICETTA COLOMBIANA CIOCCOLATA CALDA CON FORMAGGIO SENZA LATTOSIO

Spread the love


Adorate il formaggio ma il lattosio vi fa gonfiare subito la pancia? Sappiate che ci sono tantissimi formaggi ormai lavorati senza lo zucchero del latte, da abbinare a sfiziose ricette come il famoso chocolate con queso

 

Con questo caldo afoso mangiare diventa un problema. Se poi siete incinta come me, ecco che il problema si fa doppio. Non so mai che mettere a tavola, sempre alla ricerca di un compromesso tra qualcosa di buono e leggero.

Da un po’ di tempo sospetto di avere un’intolleranza al lattosio, un fastidio molto comune che colpisce soprattutto le donne e quasi metà della popolazione. La maggior parte delle persone tuttavia impara a convivere con questo problema che provoca dolore al ventre e gas intestinali. Anche io mi trovo in questa situazione perchè amo troppo il latte e i formaggi per rinunciarvici completamente, così ogni tanto mi concedo qualche bella mozzarella fresca.

Da quando però sono in gravidanza e la sensazione di gonfiore al ventre è pressoché perenne sto cercando di evitare in tutti i modi il lattosio. Fortunatamente, oggi, in commercio ci sono tantissimi formaggi senza lattosio. Il sapore è praticamente identico, l’unica variazione sta nel prezzo. Purtroppo questi prodotti costano un filo di più, ma il beneficio in termini di salute è tale che ne vale la pena.

La crescenza è un altro formaggio nella versione senza lattosio che ho scoperto ottima accompagnata dalla mostarda, come vuole la tradizione pavese. Ottimi anche gli spiedini di formaggio, con emmental – altro formaggio senza lattosio – oppure di verdure accompagnati con parmiggiano reggiano stagionato (invecchiato sopra i 36 mesi i livelli di lattosio sono nulli)  e qualche pezzetino di pera e pomodorini pachino.

Dovete stare lontano invece da tutti quei formaggi a pasta molle come la mozzarella, i fiocchi di latte, i formaggi spalmabili, la ricotta ecc. a patto che sopra non vi sia scritto chiaramente “privi di lattosio”. All’Esselunga, per esempio, per ogni formaggio senza lattosio c’è un bel cartellino in evidenza che facilita e velocizza la spesa.

formaggi senza lattosio

Se vi piace l’accostamento dolce salato come a me vi consiglio una ricetta particolare colombiana che ho assaggiato per la prima volta proprio in Colombia: il famoso chocolate con queso che altro non è cioccolata calda con formaggio.

Chocolate-Colombiano-con-queso

Foto tratta dal sito Mycolombianrecipes.com

Si mangia di solito a colazione oppure il sabato e la domenica, quando si fa una sorta di brunch e si mangia anche il tamal, altro piatto molto sfizioso a base di riso, pollo e verdure, cotto nelle foglie di platano.


Nella versione originale la ciccolata calda si fa con del latte caldo (anche qui, uso naturalmente quello senza lattosio) e per mescolare si usa un tradizionale strumento che assomiglia molto al bastoncino che noi utilizziamo per prelevare il miele.

La cioccolata deve essere ben calda perché il suo scopo è quello di ammorbidire i cubetti di formaggio che verranno mano a mano immersi nella tazza. Il formaggio che loro utilizzano è praticamente identico al nostro  formaggio dalla forma rotonda che si chiama Linea ma che di dietetico ha ben poco, presente anche nella versione senza lattosio.

cioccolata con formaggio

Per la cioccolata invece utilizzano una sorta di barretta apposita per questa preparazione che si scioglie nel latte caldo; la cioccolata non deve risultare densa e corposa come quella del bar ma molto liquida. Queste barrette si trovano anche nei negozi specializzati in alimenti sudamericani, altrimenti potete usare del cacao in polvere dolce. I marchi colombiani sono Luker e Sol come questi sotto.

ricette colombiane

La cosa importante, ripeto, è che il latte sia ben caldo! A questo punto fate tanti cubetti di formaggio, infilzateli con uno spiedino o utilizzate un cucchiaino e uno a uno, lo immergete nella cioccolata calda per qualche istante fino a che il formaggio non sarà tiepido e morbido…e via in bocca! Una delizia, provare per credere.



Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *