allattamento al seno

COME SMETTERE DI ALLATTARE SENZA PRENDERE LE PASTIGLIE

Spread the love


In passato mi è capitato di dover scrivere per altri  siti sulle modalità per smettere di allattare. Sappiamo bene però che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare  e smettere di allattareche quando poi tocca a te,  tutte le lezioni imparate svaniscono all’improvviso. Già allora però questa storia delle pillole mi era piaciuta poco. E’ vero che quello che si legge in Rete va sempre preso con le pinze, ma se una cosa ti fa andare via il latte così, dall’oggi al domani, proprio bene non deve fare, no? Ne ho sempre sentito parlare come una  bomba di ormoni  (di estrogeni, in particolare). Non sono un medico, ripeto, ma quando sarebbe arrivato il momento, mi ero ripromessa di non usarle. La gravidanza e la maternità mi hanno insegnato a fidarmi del mio corpo, che la natura è pressochè perfetta.

E poi diamine: come ha fatto il genere umano ad andare avanti prima dell’avvento dei grandi gruppi farmaceutici?

Quindi quando si può evitare, evitiamo!

Ebbene quel momento è arrivato e, dopo un certo sconforto iniziale che quasi mi aveva convinto a fare ricorso alle pastiglie, ecco che dopo due settimane dallo stop, ce l’ho fatta! Il latte è andato via.

Eh sì! Il percorso “naturale” è più lungo e doloroso. Soprattutto se parliamo di una mamma che, come me, ha allattato per 25 mesi la sua bambina. Il latte va via gradualmente e la produzione resta immutata per i primi giorni. Anche se non allatti.

Tutto questo si traduce in continui, piccoli, ingorghi da sciogliere manualmente. Ecco il mio percorso personale, grazie al quale sono riuscita a interrompere una produzione abbondante e continua di 25 mesi di allattamento (durante i quali la piccola mi chiedeva il latte anche 15 volte al giorno).

LEGGI ANCHE: Come ho superato i sensi di colpa quando ho smesso di allattare

I primi due giorni ho lasciato il seno libero, senza fasciarlo e ho lasciato che il seno si abituasse a questo nuovo status. Mi spremevo il latte in eccesso solo quando sentivo il seno un po’ troppo teso e caldo. Il seno non è mai stato dolorante o con ghiandole e vene in rilievo. Se arrivate a questo stadio avete aspettato troppo a spremere. Per i primi giorni ho avuto bisogno di “allentare” il seno un paio di volte, avendo cura di sciogliere i nodulini di latte che si creavano.

Quando mi spremevo il seno lo facevo di solito sotto la doccia calda, per favorire lo sciglimento degli ingorghi. Inoltre massaggiavo anche con i pugni chiusi, dall’esterno verso il capezzolo…così da drenare il latte in eccesso e di “farlo scorrere” in maniera omogenea nei vari canali (così mi hanno insegnato al consultorio).


Quando spremete, cercate di drenare dalla base del seno, cercando di stimolare il meno possibile il capezzolo.

smettere di allattare

“Twin Breast Pump And Milk Bottles On White Background” by Keerati

Vi sconsiglio di usare il tiralatte perchè va a stimolare proprio il capezzolo, “cervello della produzione”. Usate le manine che sono anche più comode e uniche per andare a tastare proprio laddove c’è l’ingorgo.

Arrivata al terzo giorno, vedendo che le cose non miglioravano (forse esgeravo con la spremitura) mi sono fasciata il seno con una sciarpa. Così per alcuni giorni, notte e giorno, anche se di notte spesso e volentieri si spostava. Dal quinto/sesto giorno in poi ho iniziato a spremermi solo una volta al giorno. Mai tanto ma solo quanto basta per sciogliere tensione e/o eventuali ingorghi.

I piccoli ingorghi man mano sono calati ma, superata la settimana, ho avuto un po’ di scorramento, non lo nego. Ho quasi pensato di fare ricorso a queste benedette pastiglie: il latte era lì, non se ne andava; i seni non erano tesi ma pieni, con qualche pallina tattile all’interno. La fascia, dopo quasi una settimana mi ero rotta di metterla. Così ho provato a non spremermi più e a lasciare il seno così.

Una delle sue ultime poppate. Qui aveva compiuto due anni da poco più di una settimana

Una delle sue ultime poppate. Qui aveva compiuto due anni da poco più di una settimana

 

Beh ho avuto il seno dolorante per un 3/4 giorni – un po’ come quando crescono le ghiandole mammarie, all’inizio della pubertà – poi però basta!

Oggi, a distanza di due settimane dallo stop, il seno risulta molle al tatto, ancora un po’ infastidito ovviamente, ma non credo ci sia più latte dentro ormai. La produzione si è arrestata. 

Per smettere di allattare senza usare le pastiglie ti consiglio di:

  • non esagerare con le spremiture, ma solo quanto basta per togliere la tensione e il rossore (devi darci dentro per togliere l’ingorgo eh! Non andare troppo per la leggera…)
  • fare delle docce calde mentre ti spremi il seno
  •  evitare di smettere di allattare in prossimita del ciclo o dell’ovulazione: è un momento che favorisce la comparsa di ingorghi e tappi di latte
  • evitare di smettere di allattare in estate: il seno va tenuto fasciato e fa caldo e meglio se coperto (così il bambino lo vede meno!).

Te lo dico per esperienza 🙂 Io ho smesso in estate e in prossimità del ciclo, che mi ha fatto comparire un tappo di latte, risolto poi in un consultorio dove fanno sostegno all’allattamento (ma aiutano anche le mamme che stanno smettendo). Se ne hai uno vicino, fatti aiutare: è gratis ed è un luogo  dove conoscere e confrontarti con altre mamme.



Spread the love

10 pensieri su “COME SMETTERE DI ALLATTARE SENZA PRENDERE LE PASTIGLIE”

  1. io mi sono accorta di una cosa in allatamento forse sono un caso a parte forse x ogn uno a cosa e diversa fatto sta che io va beh faccio un mini resoconto per far capire meglio 🙂 .Ho tre figli con il primo ho allatato fino al 4mese xche era prematuro e nato a 31 sett.e soffriva di reflusso fino al terzo mese bennissimo poi rallentamento in crescita lui attaccato 24ore su 24 aveva fame xche mangiava e vomitava continuamente quindi e arivata l aggiunta e con quella ha preferito l aggiunta con mio dispiacere ma e andata cosi lui nn si attacava piu io per fortuna nn ho avuto ingorghi e e in una sett il mio seno e ridimensionato diventando piu morbido ecc cmq io quando mi facevo la doccia o stimolazione involontaria a distanza di 2anni parlo quindi un bel lasso avevo cmq le goccette di latte che mi uscivano,poi rimasi incinta e il latte scomparve.Ho avuto la seconda figlia benissimo allatamento ecc anzi era anche tropo ataccata cioe di bibe anche con acqua nn voleva sapere lo allatata fino 8mesi e qualcosa poi ha avuto quasi polmonite e aveva problemi di attacarsi in quello ha accetato il biberon con il latte xche solidi nn mangiava ed ero contenta che mangiasse almeno qualcosa stessa storia smesso di allatare senza problemi ma il latte persisteva fno la sucessiva gravidanza dopo 2anni e qualcosa .ho partorito la terza figlia anche lei super attacata al seno ora ha 19mesi e di smettere nn se ne parla per ora pero ho il dubbio che quando smetto anche dopo di lei avrei stesso problema altre gravidanze nn ho intenzione di avere e mi sorge il dubbio x quando tempo avro ancora delle goccioline???

    1. Ciao Yuliya, non saprei aiutarti in effetti. Prova a sentire il medico o qualche consulente della Leche League. Non credo tu sia un caso unico al mondo, anzi è piuttosto frequente…sono sicura che qualcosa per ovviare il “problema” si possa fare 🙂 In bocca al lupo.

      1. grazie si in effetti credo che chiedero a loro ma prima la signorina dovra smettere di ciucciare e x ora la vedo molto attacata al seno anche se io ormai sono abbastanza stanca xche lei si sveglia di notte parcchie volte x fare la “merenda”vediamo come procede 🙂 e grazie ancora!!

  2. Ciao ragazze io ho allattato il mio bambino quasi un anno manca poco..e ora non lo sto dando più il seno …il pediatra mi ha detto di prendere le compresse ma io sono contraria …voi mi consigliate come mamma di mettere una fascia stretta x un po di giorni cosi andrà via solo il latte?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *